Acquista le stampe online, l'intero ricavato verrà devoluto ad

L'IDEA

Alcuni dei disegnatori italiani più talentuosi (oltre a una guest star internazionale), hanno reso omaggio all’immaginario di Mad Max, la geniale creazione di George Miller che è tornata nei cinema di tutto il mondo con l’acclamato Mad Max Fury Road.
Ideata in occasione del festival SUGARCON 2015, l'iniziativa è un omaggio a un film che ha scatenato opinioni controverse su trama e dialoghi ma che ha trovato pareri unanimi sulla spettacolarità delle immagini.

L’idea della mostra è nata quasi per caso. A maggio sono stato letteralmente folgorato dalla visione e dallo scenario creati da Miller, anche perché Mad Max è da sempre uno dei miei franchise preferiti. E così prima dell’estate ho scritto a Stefano Zattera e a Officinainfernale dicendogli che mi sarebbe piaciuto organizzare una sorta di tributo a Mad Max in occasione della Sugarcon15. Sapevo che il film era piaciuto a entrambi e infatti hanno accettato al volo. Devo dire che ho percepito un enorme entusiasmo da parte dei tanti artisti che hanno accettato di partecipare, e dal livello superlativo dei lavori che sono arrivati. Davvero una bellissima esperienza.

— GIACOMO BRUNORO

L’idea della mostra è nata quasi per caso. A maggio sono stato letteralmente folgorato dalla visione e dallo scenario creati da Miller, anche perché Mad Max è da sempre uno dei miei franchise preferiti. E così prima dell’estate ho scritto a Stefano Zattera e a Officinainfernale dicendogli che mi sarebbe piaciuto organizzare una sorta di tributo a Mad Max in occasione della Sugarcon15. Sapevo che il film era piaciuto a entrambi e infatti hanno accettato al volo. Devo dire che ho percepito un enorme entusiasmo da parte dei tanti artisti che hanno accettato di partecipare, e dal livello superlativo dei lavori che sono arrivati. Davvero una bellissima esperienza.

—  STEFANO ZATTERA

...violenza in costante movimento, metallo, ruggine, gas di scarico, polvere, sabbia, caldo torrido, radiazioni, tumori, metallo pesante, morte, urla, armi, piombo, fuoco, dialoghi da società post apocalittica, cosa vi aspettavate? I primi film della serie a confronto sembrano delle puntate di Happy Days, si dovrebbe andare da un punto “A” a un punto “B” come in tutti i post apocalittici, invece nel punto “B” non c’è un cazzo, si torna al punto “A”, doppia fatica, violenza in costante movimento, metallo, ruggine, gas di scarico, polvere, sabbia, caldo torrido, radiazioni, tumori, metallo pesante, morte, urla, armi, piombo, fuoco... si arriva al punto “A” e si spera di vedere l’alba in un mondo di fuoco e sangue...

—  OFFICINA INFERNALE

GLI ARTISTI

Ale Giorgini / Alberto Ponticelli / Alessandro Gottardo / AkaB / Andrea Mutti / Antonio Fuso / Francesco Ausonia Ciampi / Armin Barducci / Arturo Lauria / Dario Panzeri / Dario Arcidiacono / Danilo Dast Strulato / Danijel Zezelj / Enrica Eren Angiolini / Fabio Punk Baldolini / Francesco Biagini / Gianfranco Enrietto / Giuseppe Palumbo / Giorgio Santucci / Giorgio Finamore / Giuliano LD Piccininno / Katerina Ladon / Ivan Hurricane Manuppelli / Marco Kazzemberg Galli / Marco Polenta / Maurizio Ercole / Massimo Perissinotto / Massimo Giacon / Michele Bertilorenzi / Niccolò Storai / Andrea OfficinaInfernale Mozzato / Paper Resistance / Ratigher / Roberto Baldazzini / Sergio Ponchione / Tommaso Di Spigna / Pasquale Squaz Todisco / Stefano Cardoselli / Stefano Zattera / Tazio Bettin / Tiziano Angri / Zaex Starzax / Micaela Nardi / Helena Masellis / So a Munari / Elisa Ferracini / Guglielmo Cipriano / Massimo Liuzzi / Valentina Mulatero.

ACQUISTA ONLINE

L'intero ricavato verrà devoluto ad Emergency

Contattaci

Per avere maggiori informazioni sulle opere e sull'iniziativa, scrivici compilando il form.

Grazie! il tuo messaggio è stato inviato

Oops! L'invio non è andato a buon fine, prova di nuovo